Excerpt for Sospesi, poesie e liberi pensieri by , available in its entirety at Smashwords











Luca Votta


Sospesi, poesie e liberi pensieri







































Edizioni Giro Cultura 2017





















Copyright


Titolo del libro: Sospesi, poesie e liberi pensieri

Autore: Luca Votta

© 2017, Edizioni Giro Cultura


TUTTI I DIRITTI RISERVATI. La riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, non è consentita senza la preventiva autorizzazione scritta dell’Autore.































UN VECCHIO SAGGIO


Un vecchio saggio un giorno mi disse:

"l'ego è la rovina di un uomo"

un vecchio saggio un giorno mi sussurrò

come la passione lo trasformò,

"le persone mentono

i sogni non muoiono mai"

un vecchio saggio un giorno mi disse.

Oh vecchio saggio

dove sei?

Sono perso in una perfetta alba

ho abbracciato il mio destino,

corro giorno dopo giorno

e il mio respiro è libero.

Sempre quel giorno

lo sguardo del vecchio saggio si perse nel mio,

"cadono gi uomini come sassi

al suono di un mistico dubbio

aspettano il loro momento

in un gioco assai violento

di passioni e virtù"

questo poi aggiunse il vecchio saggio...

ma adesso io corro giorno dopo giorno

e non credo più.

Inerme è la notte al nascere del Sole

così come me dinanzi tal meraviglioso stupore

corro giorno dopo giorno

e so che distante un timido sorriso svelerai

caro vecchio saggio.



MALINCONICI ATTIMI


Un sospiro spezza il dolce velo del silenzio

non c'è razionalità a volte nella malinconia,



una melodia scalfisce la mia anima

dove tutto appare illuminato a metà

e il peso dei miei desideri

è troppo schiacciante,



scivola via l'eternità che risiede in un attimo

fuggo dalla fredda veste del mistero

che contorto mi pervade.

FUTILE DANNAZIONE


Mi abbandono alla più irrequieta dannazione

libero ogni mia confusione

come fossi fumo nel vento,



sovente il mio spirito cela un lamento

dietro il mio cuor che appare assai spento

esso non è che distinto

frutto di una gelida emozione.



Perpetuo è il mio cammino verso tale involuzione

senza pena né dolore

ma una piuma nera mi sfiora

e solletica la mia curiosità,



scavando nell'ombra del mio cuore

una calda emozione repressa appare

nella più incolume incertezza.


INNOCENTE BUGIA

Una maschera sul viso

Un'innocente bugia

Una timida verità

Nessuno sa

Nessuno sa chi ci sia dietro

È solo fumo

Fumo che vola via

Fumo che si disperde nell'aria

Che accarezza i dolci contorni del nulla

È infinito...

È passione ardente

che grida piacevolmente ai miei timpani

come una bellissima melodia

che stringe il mio cuore

con una delicata morsa

e brilla

Brilla al posto mio

Lo fa senza paura

La paura è il limite di un uomo

e solca il piano del sogno,

Arde la passione

e lo fa ancora

senza mai spegnersi

né con il tempo

né con il dolore...

SILENZI


Tendo a mascherar la mia coscienza

dietro ambigui versi

per soccorrermi da dolci ricordi agonizzanti

è il sensibile urlo di un muto

il peso dei silenzi

il significato di un'ombra.


DEDICA


Come un abbraccio può scaldare un ricordo

lascia a me un po' di quella notte

Una stella

è il tuo sorriso che brilla

in un cielo di incertezza.


LAMENTO


In ginocchio su sassi aguzzi

non puoi ferirmi



Urla straziato il mio desiderio

Puoi afferrare le mie mani

o fuggire lontano da me



Il tempo passa in fretta

e brama la sua dolce resa dei conti.

IN BILICO


Immobile sul ciglio di una strada perduta

sono un libro che racconta l'istante di uno sbaglio

bruciano le pagine e volano via.



In bilico

cerco la giusta resa dei conti.



È amaro il suono del vuoto

devo solo essere me stesso

in un mondo di maschere adagiate.



Potresti farlo sai

difendermi dai miei mostri

come una parola spegne il buio

un tenero gesto cura le ferite.


SOSPESO


Sospeso nei meandri della felicità

il mio cuore è freddo e fragile cristallo

Un sanguinoso bacio lambisce la mia schiena

e il tempo distrugge il desiderio



Sospeso nell'infinità di un minuto

guardo dritto abbracciando il mare che ho dentro

Siamo persi nelle convenzioni del mondo

schiavi di un puro e tenero ricordo,

forse un giorno la luce dei nostri occhi ci annienterà

o forse con indulgenza ci salverà.



Vago errante per le vie

Qualcuno si ama

qualcuno si fa a pezzi

Tutto scorre come vento,

ignora il lamento di un passato inutile.



Sospeso nel piacere di un sogno

la mia anima su un letto di spine giace

Ripenso a tutte le lotte perse

su questa strada lontano il sole sorge

ma i raggi illuminano le mie speranze.

IN UNA SERATA DI CALMA


La notte cala.


Soffia il vento.


Le foglie son tranquille.


Le strade pulite.


Il suono dei miei passi indecisi.


Vi è tutto e nulla.


Vi è calma e bufera.


Cadono parole su parole dal cielo.


Rimango io.

MALINCONICO SHOW


Quella bambina dai capelli biondi mi saluta

come fossi il più amichevole dei clown

il più estroso spettacolo circense

ma io non provengo da questa terra

sono figlio delle stelle

sono il coraggio mancato dell'uomo

un visionario senza sole.



Oh, tu bambina che giochi con me

che spettacolo triste ho da offrirti?!

Il tempo vola e io rimango inerme

e forse il sorriso di Dio mi guiderà

forse tutti mi guarderanno divertiti

forse farà di me uno show esaltante.



Guardo lontano e trovo una meta

oh, forse c'è speranza!

Arriverò e porterò dei numeri fantastici

il mio sudore per applausi carismatici

ma il trucco colerà

e un deforme sorriso qualcuno di voi noterà.


GELIDA CONFUSIONE


Una calda emozione mi sorregge

in un limbo di gelida confusione

come gelidi sono gli angoli del mio cuore

come innevate son le cime

come freddo è il tempo che vola via.


TACITA PAURA


Sotto quella chioma

che dal cielo mi separa

ogni sera mi maledico

e in silenzio ho paura.



Ho paura, perché taci

perché insistente spingi

e poi mi sfiori.


PAGLIACCIO


Il trucco cola, pagliaccio

abbassa la maschera, pagliaccio

chi sei tu ora?!

Un buffone per il riso altrui...



Cala il sipario, pagliaccio

per un Sole che muore

un altro nasce

chi sarai tu domani?!



Ti direi, pagliaccio

che le persone fan molto rumore

che le genti troppo dormono

e che l'amore ti salverà.



Ridi un po' ingenuo, pagliaccio

i tuoi sogni son lacrime a volte

osserva ciò che di lato ti sfiora

è stupore, è bellezza.



Non servono guerre, pagliaccio

dona quel che ti muove

quel che il tuo cuore stanca

dona amore ed esso da te tornerà.



Dipingi la tua vita, pagliaccio

come fosse tela bianca

e quando per le tue capriole cadrai

ora fermamente ti dico

che nel vento che soffia



beato riderai.


BEATA IGNORANZA

Beata ignoranza

colui che ignora non vede

colui che ignora non conosce

e di meno soffre.



Beata ignoranza

la finta sapienza

la verità assoluta

colui che ignora possiede.



Beata ignoranza

e ancora colui che ignora

non osserva, non tace, solo dorme.



Beata ignoranza

colui che ignora accusa

colui che ignora si fa giudice

in un'aula di stoltezza.



Colui che ignora il pensier non muta

e nella menzogna si crogiola

alle convenzioni si ancora

e di notte non sogna.

DI NOTTE


La calma piatta della notte

rumore fanno i miei pensieri

a volte sembrano sollevarmi

altre invece trascinarmi giù

e cadendo guardo in alto,


vorrei un paio d'ali

per sorvolare le paure.



Notte, le luci son sufficienti

bastano per illuminare

i miei passi spenti,

alcune volte muoio

altre vivo


e nel cielo mi perdo e vedo

la sfumatura di una giustificante libertà.


UN SENTIERO IN CIRCOLO


C'è qualcosa che non svanisce mai.


In questo sentiero

il mio amore

è puro rancore

il mio amore

si lacera sulle spine di una rosa

si stende sui dolci piani del dubbio

su un velo di tormento.



Su questo sentiero

un selvaggio inno risuona

si ripete su tornanti violenti

è un classico

un rituale sarcastico

è il mio amore

che si stende verso il vuoto

e irrimediabilmente si spezza.


C'è qualcosa che non svanisce mai.

FATO STREGATO


Lasciami sognare

in questo fato stregato

liberami da questa morsa

che il mio respiro attanaglia



Come non vedi che da qui

pian piano il mio istinto muore?!

Come non noti che così debole

la mia vista sanguina?!



Che così debole tu mi riduci...

come può l'acqua

corrodere una roccia?!



Lungo questo fato stregato

come può la mia smania

reggere l'urto dell'attesa?!



E troppe volte mi dimeno

e invano una speranza cerco

lotto contro di te

contro i miei demoni



lasciami sognare

in questo fato stregato..

ESISTENZIALMENTE

Cala il fumo su di me

così riprovevole è il mio riflesso ignavo



Per dar forza ai miei sogni

instancabilmente lotto



In mezzo a tutto quel che passa

dinanzi la precarietà dei momenti

io alzo il capo e guardo il cielo

e mentre il tempo spietato passa

con forza il mio obbiettivo afferro,


ma cosa conta davvero

in una vita che riserva illusione?



Vivere intensamente un attimo

perché di attimi è composta l'esistenza

di innumerevoli e mutevoli attimi

pronti a crocefiggerti o a cullarti

e innegabilmente...



la bellezza del nostro pensiero

costruisce la nostra vita.

SQUALLORE


Squallore

siete voi bendati ignari



Squallore

è tanto di cui si vede in giro



Squallore

è stampato sul vostro viso



Squallore

questa parola amo

tanto quanta è la vostra superficialità.


DOLCE RICATTO

Questo gioco di poteri

è un ricatto romantico

è una ruota continua

dove cado e mi rialzo

sul più bello stento.



È un ricatto romantico

una rosa in viso

che delicata ci separa

un ricatto sì, un dolce ricatto

un ricordo testardo

ci salverà.

LA DANZA DEL PUPAZZO


Balla pupazzo

con il busto stai retto

nel cuore del mondo

ti sosterrai.



Balla pupazzo

sei stanco da un pezzo

prosegui diritto

ti ferirai.



Balla pupazzo

di pezza sei fatto

il tuo viso composto

ti tradirà.



Balla pupazzo

il tuo scettro di marmo

il tuo trono assai scarno

si sgretolerà.



Balla pupazzo

dal fato beffardo

rallenta il passo

o inciamperai.



Balla pupazzo

dal cuor mai sazio

un due tre e poi un salto

ti stupirai.

TRATTENERTI


È tutto sbagliato stasera


il tuo dolore se ne è andato


in un soffio di vento


mentre il mio, mentre i miei sogni


restano a fissarmi insieme ai miei demoni


talmente è sbagliato da non crederci


talmente è ingiusto che ti legherei.

SOGNO E ILLUSIONE


Vivere un bel sogno

per poi puntualmente svegliarsi



un destino illusionista

si aggrappa a limite di un sonno svanito



Scrivo su petali di girasole

il Sole che sembra non esserci



e scosto il mio affanno

ma mi dispero nel silenzio.

ARDUO CROLLARE


Crollan due persone

quando le anime restie si avvolgono



Crollano i desideri

quando un conflitto silenzioso subentra



Crollano le parole

quando la fatica pungente le assale



Crolla la resa

quando i ricordi si fanno pressanti

e correndo quell'emozione resta.

LIMBO


Vorrei una sfera di cristallo

che mi leggesse il domani



Sospeso in un limbo di rabbia

il mio cuore ora dorme



Vorrei scoprir senza paura

ciò che domani mi attende



se saremo ancora soli

o il frutto di una giornata di Sole.

SEGNI


Il vasto prato e il suo profumo

il rossore del cielo

il mio conforto

Poi un battito

il volo libero di un gabbiano


Una brezza leggera

che residui di nuvole scosta

i miei sensi esultano

i pensieri crollano.

SETTE


Quante occasioni

Quante lotte notturne

Quante albe vissute


Oggi piove

Sette gocce sul mio viso

Sette come le mie pene

Solo sette cadono

Tutte e sette mi colpiscono.



Fine



Download this book for your ebook reader.
(Pages 1-17 show above.)